Tecnologia da masticare ogni giorno

Bravo TrackR, il tracker trovatutto accessoriato

Vi ho già parlato in passato di tracker, delle loro funzionalità e della loro utilità. Oggi andiamo a scoprire Bravo TrackR, e se vi state chiedendo cosa abbia di diverso rispetto gli altri suoi concorrenti, la risposta è: gli accessori. Vi sembrerà strano ma, malgrado la tipologia del gadget, anche TrackR ha i suoi accessori, infatti può essere fornito, oltre che con il normale anellino da collegare alle chiavi, anche di moschettone e cover in gomma per renderlo impermeabile all’acqua.

bravo trackr

Ma andiamo per ordine…

Materiali e Design

Bravo TrackR è costruito in alluminio, ciò ne rende un gadget di ottimo design e compattezza. Come potete anche vedere paragonando una moneta da 20 centesimi, le dimensioni ne rendono veramente agevole la portabilità. Per cambiare la batteria interna, non dovremo smontarlo, ma l’estrazione viene fatta con una slitta posta sul lato. Nella parte frontale troviamo un pulsante, che serve inizialmente per effettuare la connessione con lo smartphone e successivamente per farlo suonare quando viene premuto (C’è la possibilità inoltre di personalizzare la notifica dello smartphone con la nostra preferita).

Per evitare, inoltre, di rovinarlo o danneggiarlo per schizzi o cadute accidentali, può essere anche dotato della sua custodia in gomma, anche se così facendo ne aumentiamo di poco le dimensioni. Personalmente è da circa una settimana che utilizzo questo tracker, ed è come non averlo attaccato alle mie chiavi.

 Ma andiamo a vedere le caratteristiche tecniche in  dettaglio:

  • Diametro : 31mm
  • Spessore: 3,5mm
  • Tipo Batteria: CR1616
  • Durata massima batteria: 1 anno (sostituibile)
  • Tipo Bluetooth: 4.0
  • Materiale: Alluminio, plastica

Funzionamento

Bravo TrackR è un trovatutto pensato a tutti gli utenti, infatti è molto semplice da configurare. Potete trovare l’app sia nell’ App Store di Apple che in Google Play.

Per la configurazione basterà infatti installare l’applicazione e seguire le istruzioni (anche se l’applicazione è ancora solo in lingua inglese). Finito l’accoppiamento con il device, che avviene tenendo premuto il pulsante su gadget fino a quando non avvertirete un allarme sonoro, ci verrà chiesto di attribuire al gadget la sua categoria e successivamente….la configurazione è completata. La schermata dell’applicazione in se è molto semplice, come anche il suo funzionamento.

bravo trackr

Le funzioni essenziali sono:

  1. Cliccando sulla app, TrackR inizierà ad emettere un suono per aiutare a trovare ciò a cui è attaccato
  2. Premendo il pulsante su TrackR, il telefono inizierà a suonare

Ovviamente, non manca la possibilità di visualizzare l’ultima posizione del tracker su una mappa (ricordate che questi gadget non hanno un GPS interno ma funzionano con quello interno del device a cui sono accoppiati)

Nelle impostazioni dell’app troviamo

  1. Possibilità di cambiare il tono della notifica dello smartphone
  2. Impostare una zona di “silenzio”
  3. Impostare un all’alert se il device o TrackR si allontanano (può essere utile per strada, ad esempio, ma se perdiamo la connessione succederà la stessa cosa)
  4. Disattivare l’alert, se siamo collegati ad una rete wifi scelta, in questo modo passiamo oltre al problema della connessione

…e voi cosa ne pensate?

 

Presto a disposizione l’unboxing con una piccola recensione, quindi continuate a seguirmi =)

 

Potete trovare tutte le altre informazioni su TrackR direttamente al LINK
 

L’esperienza di Pillole di Tecnologia non si ferma sul blog. Trovi tante altre novità su Facebook, su Telegram e su Youtube…ti aspetto 😉

Commenti

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.